Conosciamo Pamela Cotti

Pamela Cotti, account manager rdcom

Pamela, raccontaci qualcosa di te. Ma dal momento che rdcom si occupa di mobile messaging, prova ad usare i 160 caratteri previsti da un SMS! 

Ciao! Sono Pamela, vegetariana da 20 anni, amante del buon vino, poker face expert.  

Parliamo del tuo ruolo: Account Manager. Quali sono le 3 caratteristiche imprescindibili che una persona che fa questo lavoro dovrebbe avere? 

Proattività, precisione, e una buona memoria.  

Proattività perché molto spesso non basta seguire il cliente e rispondere alle sue domande, ma bisogna essere in grado di identificare eventuali bisogni che magari lui stesso non aveva riconosciuto, e proporgli la giusta soluzione al momento giusto.  

La precisione serve molto lato commerciale, i dati hanno bisogno di essere registrati con criterio e logica, in modo che tutto il team possa usufruirne in modo efficace. 

Infine, buona memoria, perché è il primo passo per dare ad ogni cliente la giusta importanza. Alcune volte devo ricordarmi anche dettagli della vita privata, se ad esempio c’è stato un evento importante nella sua vita – un matrimonio, una nascita, una perdita – il lato umano è importante.  

Sappiamo che fai parte della famiglia rdcom da due anni. Qual è stato il tuo percorso? 

Ho iniziato nel 2019 come Pre-Sales, mi occupavo cioè di mappare il mercato e analizzare i potenziali clienti. Procacciavo anche nuovi prospect e ricercavo nuove possibilità di business.  

Poi sono diventata Inside Sales, e in questo caso seguivo anche gli inbound e iniziavo a gestire i miei primi clienti in autonomia. È stato molto formativo e utile ai fini della mia successiva promozione, a fine 2020, ad Account Manager, perché mi ha permesso di imparare tantissimo sul mercato di riferimento. 

Quando sono arrivata sapevo poco riguardo al settore del mobile messaging, e la conoscenza è indispensabile per poter offrire al cliente le soluzioni migliori per le sue esigenze.  

In cosa consiste il ruolo del Account Manager? Quali sono le difficoltà maggiori e quali, invece, gli aspetti più interessanti? 

Come Account Manager seguo i clienti in ogni fase del percorso,  quindi anche pre e post vendita. Divento a tutti gli effetti il punto di riferimento dei miei clienti e il ponte tra loro e l’azienda. Ovviamente in questo vengo supportata dai Team Support e Success, che si occupano delle problematiche più tecniche e pratiche, mentre io rimango attiva più per il lato commerciale.  

Per rispondere alla seconda parte della domanda, invece, più che difficoltà le chiamerei sfide. Non esistono vere e proprie difficoltà quando fai un lavoro che ami. Ma se devo proprio pensare a qualcosa in questo senso, probabilmente è il fatto che in rdcom cerchiamo di fornire sempre servizi super personalizzati, e alcune richieste talvolta sono davvero difficili da realizzare! Però ci si prova sempre, e nella maggior parte dei casi ci si riesce. 

Tra gli aspetti che reputo più interessanti del mio lavoro, infine, c’è sicuramente l’instaurare una relazione di fiducia con i miei clienti, essere il loro riferimento e in qualche modo semplificargli la vita. Mi piace l’idea di aiutare le aziende a farsi conoscere e a crescere. 

La pandemia ha influito in modo notevole sulle attività di chi lavora nel Team Sales. Quali sono stati secondo te i cambiamenti positivi, e quali quelli negativi? 

Tra le cose che mi sono mancate di più durante i lockdown e nei periodi di smart working totale ci sono sicuramente la socializzazione e i momenti di condivisione con i colleghi, ma anche la comodità di poter comunicare con il mio team semplicemente allungando la testa al di là dello schermo del pc.  

Di positivo però la pandemia ci ha insegnato ad utilizzare meglio alcune piattaforme digitali di lavoro condiviso che prima non venivano sfruttate al massimo delle loro potenzialità. Inoltre, da persona attenta all’ambiente quale sono, non posso che identificare come elemento positivo il fatto che oggi si possa tranquillamente risparmiare benzina e ridurre l’inquinamento lavorando comodamente da casa.  

Vivendo a Vicenza e dovendo fare circa un centinaio di chilometri per andare e tornare dalla sede di rdcom, posso dire che in quest’ultimo anno ho risparmiato all’ambiente diverse tonnellate di anidride carbonica! 

Rdcom si occupa, tra le altre cose, di SMS Advertising. Quanto è ancora efficace questo canale, e a quali bisogni delle piccole imprese può rispondere?  

Gli SMS rispondono ancora a moltissime esigenze delle piccole medie imprese. Noi di rdcom possiamo fornire una geolocalizzazione dei contatti che arriva fino al CAP; quindi, anche un piccolo negozio o un’attività locale che apre in una zona provinciale ristretta può trovare il target di clienti adatto alle proprie esigenze. Non solo per le nuove aperture. L’SMS ADV funziona molto bene anche per comunicare promozioni o scontistiche speciali, consente una profilazione molto granulare e raggiunge le persone in modo istantaneo. È un’attività che funziona bene anche per il no profit, gli SMS hanno costi ridotti rispetto ad altri canali tradizionali come la pubblicità su riviste o tv, quindi si prestano per enti di questo tipo.  

Un cliente che ti chiede: perchè dovrei affidarmi a rdcom? Prova a rispondere come se non fossi una Account Manager! 

Perché è un’azienda solida, quindi sicura. E il servizio clienti è eccellente. Se fossi una persona terza ti direi anche che non è la compagnia da centinaia di dipendenti con i quali per comunicare devi prima passare per cinque o sei chatbot pre impostate. Qui ci sono persone vere, e sono persone fantastiche!