Daphne Burli - Customer Success rdcom

Abbiamo intervistato Daphne Burli, il membro più giovane del nostro team.

Inizialmente impiegata in amministrazione, Daphne fa ora parte del reparto Customer Success dove si occupa di supportare i clienti aiutandoli a gestire piccoli problemi quotidiani. Un po’ come Dr House, cerca sempre di analizzare con cura ogni situazione alla ricerca di dettagli, anche apparentemente insignificanti, che però in molti casi si rivelano risolutivi.

Grande amante del calcio, del tiramisù e dello Spritz, Daphne ci ha raccontato qualcosa in più di sé e del suo lavoro.

Un SMS è composto da 160 caratteri, usali per descriverti.

Sono una persona impegnativa, fastidiosa… ah dovevo dire delle cose positive? Scherzo, in famiglia mi dicono che ho un bel caratterino. In realtà sono una persona molto tranquilla, con molti hobby e passioni che condivido con le persone a cui voglio bene.

Scegli 3 aggettivi che ti rappresentano.

Gentile, affidabile e puntigliosa.

Sappiamo che sei un’amante del calcio. Qual è stato secondo te il calciatore migliore italiano degli Europei 2021?

Be, Donnaruma è stato premiato dalla FIFA e da tutta la stampa sportiva, ma io penso che il vero campione della nostra nazionale sia stato Jorjinho, centrocampista del Chelsea ed ex giocatore dell’Hellas, non per niente la mia squadra del cuore! Si possono mettere due cuoricini giallo-blu nell’intervista?

Sei più una persona da messaggi (SMS, WhatsApp, ecc.) o da email?

La verità? Nessuna delle due! Se ho bisogno di dire qualcosa a qualcuno, lo chiamo. Mi annoio a scrivere messaggi, un po’ perché durante il giorno sono sempre molto impegnata, un po’ perché preferisco comunicare nel modo più diretto possibile, sia che si tratti di fare due chiacchiere che di mettersi d’accordo per una cena.

È il tuo compleanno e hai deciso di cucinare qualcosa per i tuoi colleghi. Qual è la tua specialità?

Senza ombra di dubbio il tiramisù. Non si deve cuocere, richiede una buona dose di precisione (gli strati devono essere uniformi e il cacao ben livellato!) e piace quasi sempre a tutti. Non sono una grande cuoca, faccio bene poche cose in cui però sono un asso!

Ricevi un bonus aziendale di 1.000€, come li spendi?

Che domande, vado a farmi una vacanza! Possibilmente in un posto tranquillo e super rilassante, con accesso alla SPA H24 e un bel panorama sempre all’orizzonte. Mare o montagna non importa un granché, ma sulla SPA non transigo!

È venerdì sera e facciamo l’aperitivo dopo il lavoro. Cosa ordini?

Un classico veneto: l’Aperol Spritz! Gustoso, fresco, con un grado alcolico contenuto che ti permette di goderti la serata in tranquillità senza ritrovarsi con il mal di testa il giorno dopo al lavoro.

Da quanto tempo fai parte di rdcom?

Quasi tre anni e mezzo. Sono arrivata in rdcom nel 2018 e inizialmente ero stata assunta nel reparto amministrazione. Facevo principalmente archiviazione dei documenti e qualche fattura. Nel gennaio del 2020 mi sposto al Customer Support, un reparto H24 che lavora su turni. Quel febbraio, come tutti ricorderemo bene, scatta il primo lockdown. Inizio quindi a lavorare da remoto, da casa, fino a settembre. A dicembre del 2020 cambio di nuovo reparto, atterrando al Customer Successo dove tutt’ora sono impiegata.

Quali sono gli aspetti che più ti piacciono del tuo lavoro?

Mi piace essere il filo diretto che unisce i clienti all’azienda, poter essere in prima linea nella gestione delle varie attività che riguardano la customer experience e riuscire a trovare la giusta soluzione ai piccoli problemi quotidiani. Mi sento un po’ Dr. House quando trova il dettaglio a cui nessuno aveva pensato.

Mi piace aiutare gli altri, ed è una cosa che è così da sempre anche nella mia vita personale.

Raccontaci qualcosa del team di cui fai parte

Il mio Team Leader è Gabriella. È stato già scritto di lei in un precedente articolo. Siamo molto affini, lei è una persona tranquilla come me e nonostante i momenti molto fitti di lavoro che ci tengono concentratissime sullo schermo riusciamo sempre a ritagliarci i nostri momenti di pausa, che siano un caffè o una breve sigaretta.

Sei la dipendente più giovane, ma lavori già da diversi anni. Come immagini il tuo futuro?

A livello lavorativo sono già molto soddisfatta, non mi sento arrivata e spero di poter crescere ancora all’interno di rdcom ma non mi vedo in altri posti, vorrei ritrovarmi tra dieci anni con i miei colleghi di oggi davanti un aperitivo a ricordare i momenti più divertenti del nostro lavoro.

A livello personale, invece, spero di realizzarmi nel costruire la mia famiglia, mi piacerebbe avere uno o due bambini e riuscire ad avere una casa tutta mia e del mio compagno. Amo Verona e sicuramente rimarrò a vivere qui.

 

Naturalmente, auguriamo a Daphne di realizzare i suoi sogni e di continuare ad affrontare la vita e il lavoro con la stessa grinta e lo stesso entusiasmo che ogni giorno è capace di dimostrarci.