Landing page: cos’è e come crearla

Landing page, cos'è come crearla by rdcom

Il panorama digitale è sempre più complesso e affollato. Negli ultimi due anni due imprese su tre hanno aumentato gli investimenti nel digitale e viene registrata una crescita nella produzione di contenuti del 21% rispetto allo stesso periodo nel 2020. 

I brand hanno a disposizione sempre più strumenti per rendere la propria comunicazione efficace e funzionale. Uno di questi, sono sicuramente le landing page 

Landing page: definizione e vantaggi

Una landing page è una pagina web che gli utenti possono raggiungere attraverso un link e che ha come obiettivo preciso quello di promuovere o informare su uno specifico prodotto/servizio/evento.  

A differenza della pagina di un sito web, una landing page nasce con uno scopo di conversione preciso ed è mirata a informare gli utenti per un obiettivo di business specifico, generalmente limitato o disponibile a un determinato periodo di tempo. Il contenuto, quindi, non riguarda l’azienda o il brand in generale, come dovrebbe invece accadere per quelli contenuti all’interno del sito web, vero e proprio biglietto da visita di un azienda che ne rappresenta i tratti distintivi e universali.  

Le landing page soddisfano il loro scopo di conversione attraverso dei form pre-impostati e pre-compilati in cui gli utenti possono inserire i loro dati personali. Inserendo i propri dati le persone acconsentono ed essere ricontattate oppure ricevere aggiornamenti riguardo al servizio promosso.  

Ogni contatto raccolto attraverso il form di registrazione di una landing page viene definito “lead”, e rappresenta a tutti gli effetti un potenziale cliente che l’azienda potrà gestire attraverso il reparto commeciale oppure il servizio di customer service.  

registration form

Utilizzare una landing page per promuovere i tuoi prodotti o servizi ha diversi vantaggi: 

  • Non ha costi particolari, puoi crearla gratuitamente attraverso una piattaforma multicanale  
  • Ti permette di ottenere contatti di persone già interessate al tuo brand  
  • È facile da creare, e può essere personalizzata con i colori e le grafiche della tua azienda 
  • La sua struttura è pensata per veicolare l’utente nel processo di rilascio del contatto 
  • Può essere facilmente condivisa tramite link sui tuoi canali di comunicazione, sia che si tratti di una campagna DEM o di SMS Advertising 
  • Puoi misurarne i risultati attraverso statistiche sui click e sulle performance 

Come creare una buona landing page

La parola d’ordine per creare una buona landing page è: chiarezza. 

Gli utenti dovrebbero idealmente essere guidati fino al rilascio della lead senza essere distratti da troppi contenuti o da un flusso complesso di navigazione. Ecco alcuni consigli per far ottenere il massimo dalle tue pagine di atterraggio: 

1. Usa un titolo d’effetto

Il titolo della tua landing page è il primissimo contenuto con cui l’utente entra in contatto, quindi è importante che sia accattivante e che invogli a proseguire la lettura del contenuto. Per il titolo di una landing page puoi essere creativo e “osare” – senza perdere di vista la coerenza con il tone of voice del tuo brand – inserendo magari qualche gioco di parole. Ricordati che un buon titolo non dovrebbe superare i 60 caratteri. 

2. Rendi evidente il nome del tuo brand

Un utente che atterra sulla tua landing page è stato probabilmente prima in contatto con una tua DEM o con un SMS pubblicitario. Quindi significa che conosce il tuo brand o che comunque ci è precedentemente entrato in contatto. È importante quindi che trovi ben chiaro il logo e il nome del tuo brand: questo lo rassicurerà di stare usufruendo di un contenuto affidabile e faciliterà il suo proseguimento lungo il flusso pensato per lui fino al rilascio della lead. 

3. Scrivi copy brevi

Semplicità e chiarezza espositiva sono i punti chiave per far sì che la tua landing page raggiunga lo scopo per cui è stata creata. Cerca di scrivere paragrafi brevi e concisi e font non eccessivamente piccole che peggiorerebbero la UX della pagina e potrebbero portare l’utente ad abbandonarla. Usa un lessico comprensibile e frasi concise; i contenuti approfonditi sono consigliati nelle tue strategie di comunicazione, ma sono più indicati per canali come articoli della sezione blog, white-papers e demo.  

4. Sfrutta le tecniche di neuromarketing

Hai mai sentito parlare di FOMO, o del principio di scarsità? Sono solo due delle piccole strategie che puoi utilizzare per invogliare gli utenti a convertire sulla tua landing page. Se stai promuovendo un evento, ad esempio, metti in evidenza i posti disponibili e sottolinea che sono limitati. Nel caso di un’offerta commerciale, invece, inserisci una data di fine oltre il quale l’acquisto del prodotto o servizio sponsorizzato tornerà ad aumentare.  

5. Scegli immagini o gif impattanti

L’ultimo report di WeAreSocial dimostra chiaramente come immagini e video siano tra i formati preferiti dagli utenti nella fruizione dei media online. Questo tipo di contenuti sono immediatamente riconoscibili e comunicano in modo spesso più efficace delle parole. Inoltre, richiedono minor tempo di comprensione, caratteristica utilissima se contiamo che la soglia di attenzione degli utenti è sempre più ridotta, arrivando oggi a circa 7 secondi! 

6. Scrivi e posiziona bene le tue CTA

Le CTA (o call to action) sono brevi frasi utilizzate in ambito di marketing per veicolare una specifica azione dell’utente come l’acquisto di un prodotto, l’approfondimento di un contenuto, o l’iscrizione a un servizio. Le call to action sono composte generalmente da due o tre parole (“scopri di più”, “acquista ora”) e sono spesso enfatizzate da un cosiddetto “bottone” cliccabile rettangolare, che le mette in evidenza rispetto al resto del testo. Le CTA vengono in genere inserite all’inizio e alla fine di una landing page.  

Call to action mobile

7. Non inserire altri link

Come abbiamo detto, una landing page dovrebbe guidare l’utente nel modo più veloce ed efficace possibile verso l’azione che vogliamo fargli compiere. Di conseguenza, è sconsigliato inserire link che indirizzino a dei contenuti esterni, interrompendo il flusso di navigazione e togliendo attenzione all’obiettivo finale.  

8. Crea un form d’iscrizione adeguato

Il form d’iscrizione è una componente essenziale della tua landing page perchè è proprio ciò che ti consente di ottenere una lead qualificata. Crealo dandogli un aspetto grafico corente con il resto della pagina e con  

9. Usa modelli mobile-friendly

Il mobile è senza ombra di dubbio il device preferito degli utenti per la navigazione e per la fruizione di contenuti digitali, e il tempo che vi trascorriamo è aumentato del 29% rispetto al 2019. Quindi, è essenziale che le tue landing page siano ottimizzate per una visualizzazione mobile e fruibili anche dai piccoli schermi. Puoi trovare diversi template mobile-friendly sulla nostra Piattaforma Multicanale. 

mobile user10. Integra con i tuoi canali

Per potenziare al massimo l’efficacia delle tue landing page prova a integrarle in una strategia di comunicazione multicanale. Una landing page può facilmente arricchire il contenuto delle tue newsletter o dei tuoi SMS pubblicitari grazie alla condivisione tramite link, oppure promossa attraverso i social media della tua azienda per una fruizione ancora maggiore. 

 

Se sei arrivato fino a qui, significa che sei pronto per costurire la tua prima efficacissima landing page! Non sei ancora sicuro? Il nostro Team Support è a tua disposizione per aiutarti a far esprimere il meglio dalla tua comunicazione multicanale. Scrivici all’indirizzo support@rdcom.com oppure chiamaci allo 045 8841199 per parlare con noi e scoprire come possiamo aiutarti.