Con Mobile Payment si intende il pagamento di un prodotto o di un servizio tramite telefono cellulare. Si tratta quindi un metodo di pagamento digitale che permette di effettuare transazioni come pagamenti cartacei o con carte di credito, via mobile. Il pagamento può avvenire a distanza, da remoto, o in prossimità e, soprattutto per questa seconda modalità, le tecnologie sfruttate sono in genere le stesse abilitate per carte contactless, quelle che un po’ tutti conosciamo. Tra le soluzioni alternative citiamo il QR code e la geolocalizzazione associata al numero di telefono.

Come ha affermato l’Osservatorio Mobile Payment & Commerce del Politecnico di Milano, che non considera all’interno di questo mercato i pagamenti effettuati tramite Home e Mobile Banking e quelli per acquisto di contenuti digitali, “Si definiscono pagamenti digitali quei pagamenti effettuati con strumenti di pagamento elettronici – ossia carte di pagamento, credito telefonico, borsellino elettronico (wallet) – o addebito diretto su conto corrente, per acquisto di beni e servizi.”.

In realtà quindi, procedere con un pagamento digitale è un concetto che non si limita al semplice pagare tramite smartphone. Il settore dei pagamenti digitali è un settore piuttosto ampio. Tuttavia è giusto affermare che le transazioni via cellulare ne rappresentano una bella fetta.

Il Mobile Payment rientra quindi nei cosiddetti New Digital Payment che possono essere classificabili tenendo conto non solo della situazione di acquisto ma anche considerando i dispositivi di attivazione, siano essi PC, Tablet, Mobile o carte. E si differenziano dagli Old Digital Payment, ovvero da quei pagamenti effettuati con carta presso un POS tradizionale.

Il contesto italiano

Oggi il Mobile Payment costituisce senz’altro una carta vincente per soddisfare il consumatore che è sempre più alla ricerca di semplicità nella vita di tutti i giorni.

Anche in Italia, l’interesse verso queste nuove ed innovative metodologie di pagamento sta crescendo e cambiando decisamente le nostre abitudini quotidiane.

Il miglior tasso di crescita lo si registra con il Mobile Payment di prossimità (detto anche Mobile Proximity Payment) all’interno di punti vendita. In questo caso il cellulare emula un pagamento via carta facendo uso di tecnologie wireless di comunicazione. I pagamenti elettronici di prossimità necessitano quindi di una vicinanza fisica ad un dispositivo dedicato e la transazione sfrutta il sistema contactless.

Anche le banche si stanno pian piano adeguando a questo sistema comodo oltre che innovativo. Il Mobile Payment di prossimità inizia infatti a funzionare anche con gli ATM, permettendo agli utenti di prelevare contanti ad uno sportello bancomat senza l’utilizzo della carta.

Il Mobile Remote Payment, invece, include quei servizi che permettono, anche da remoto, di attivare un pagamento, e di conseguenza acquistare un bene, via smartphone. Anch’essi utilizzano la rete wireless e vengono resi disponibili tramite vari punti d’interazione quali ad esempio siti ottimizzati per il mobile o App installate su cellulare o sulla SIM.

Categorie di pagamenti

Facendo sempre riferimento all’Osservatorio del Politecnico di Milano possiamo suddividere ulteriormente le categorie dei pagamenti via mobile:

Mobile Remote Commerce (tutto il processo di acquisto avviene tramite canali come Mobile site o Mobile app con addebito su carta o borsellino elettronico)

Mobile Remote Payment (pagamenti di ricariche telefoniche, bollette, bollettini, parcheggi, biglietti del trasporto, noleggi auto, taxi, etc. attraverso il telefono cellulare con addebito su carta, credito telefonico o borsellino elettronico)

Mobile Proximity Payment (pagamenti presso i punti vendita attraverso il cellulare con addebito su carta, borsellino elettronico o direttamente sul conto corrente)

Mobile Proximity Commerce (servizi a supporto dell’esperienza di acquisto presso store fisici come, ad esempio, l’utilizzo di coupon o tool di consultazione di informazioni tramite smartphone).

Lo scenario futuro

In Italia il numero delle persone che utilizza il mobile payment è in forte crescita. Del resto, se ci pensiamo, oggigiorno non ci stacchiamo mai dal nostro smartphone e non potremmo fare a meno di una connessione internet. Cosa potremmo mai avere contro una modalità di pagamento più semplice e veloce?

Gli studi sono piuttosto concordi nel classificare il Mobile Payment di prossimità alle vette del settore dei pagamenti mobile. L’estrema facilità d’uso dei dispositivi mobili e il fatto che essi siano sempre presenti nelle nostre abitudini quotidiane incidono chiaramente nello sviluppo di questa modalità. Possiamo quindi aspettarci, nel futuro più vicino, nuovi prodotti e applicazioni dedicate.

Cosa significa tutto ciò per il Mobile Marketing? Beh naturalmente, se il focus dell’utente si rivolge nuovamente al suo smartphone, se la sua attenzione guarda al cellulare una volta in più, se il mobile acquista ancora più valore grazie alle diverse attività che possiamo portare avanti grazie ad esso, un SMS o un’ email non potranno che essere notati con più velocità; tutto da un unico punto d’accesso.