Definizione call to action

Cosa vuol dire call to action? Letteralmente significa “chiamata/richiamo all’azione”, e indica una particolare frase o espressione generalmente inserita in un testo pubblicitario scritta con l’obiettivo di invitare gli utenti a compiere una determinata azione, come un acquisto o una registrazione, o semplicemente a procedere con un click e quindi aumentare le conversioni di una pagina web.

Le CTA  (acronimo di call to action) possono essere utilizzate all’interno dei più svariati supporti di marketing digitale come landing page, newsletter, siti web e addirittura SMS.

Possono avere la forma di una frase ad effetto oppure di un’espressione che richiama l’attenzione dell’utente, e vengono inserite in diversi parti della pagina o dell’Email.

Una call to action deve essere modellata in base agli obiettivi specifici della propria strategia di comunicazione integrata e al tipo di canale utilizzato.

Come si fa una call to action?

Scrivere una call to action efficace può sembrare semplice, ma in realtà richiede spesso tempo e studi specifici da parte di chi lavora nell’ambito del digital marketing.

Da diversi anni ormai, infatti, questi brevi ma incisivi testi di cui le call to action fanno parte risultano oggetto di veri e propri studi da parte di una nuova e precisa branca della scrittura digitale che viene definita microcopy.

Per riuscire a ottenere il massimo dei risultati bisogna innanzitutto identificare il target di utenti a cui ci si rivolge, prendere in considerazione le loro caratteristiche e capire quali sono i bisogni che li spingono a ricercare un determinato tipo di prodotto o servizio e far sì che la call to action contenga la promessa di soddisfazione di questi bisogni.

Una call to action deve essere chiara, concisa e incisiva.

Inserire frasi call to action nel punto giusto è molto importante anche per favorire un’adeguata customer journey,  vale a dire orientare l’utente all’interno di un percorso strutturato in un particolare canale di marketing.

Call to action: esempi

Gli esempi più classici di call to action sono generalmente inseriti all’interno di bottoni cliccabili in un’Email o una pagina Web e si identificano in enunciati dove spesso a farla da padrone è un verbo all’imperativo:

  • Scopri di più
  • Registrati ora
  • Acquista subito
  • Clicca qui

L’obiettivo in questi casi è condurre l’utente a compiere una determinata azione, preventivamente scelta e strutturata. L’utente deve trovare all’interno della call to action la risposta a una propria necessità, che può essere (in base alla fase di customer journey in cui si trova) quella di ottenere maggiori informazioni rispetto a un determinato prodotto o servizio oppure di compiere un acquisto.

Se questi sono gli esempi di call to action più comuni, tuttavia, non significa che non ci sia la possibilità di crearne di diverse.

Talvolta infatti, scrivere call to action più particolari e creative, con un tone of voice meno formale e rigido, può essere un ottimo modo per avvicinare in modo efficace una particolare tipologia di utenti come ad esempio quelli appartenenti alla Generazione Z o ai Millennials che in quanto nuove generazioni hanno un approccio specifico al mobile marketing.

Come inserire call to action in una Mail

L’Email Marketing è un canale fondamentale per  raggiungere determinati obiettivi di comunicazione, e anche se di solito fa parte di una strategia multicanale integrata la sua struttura richiede specifici accorgimenti e una struttura precisa.

Spesso all’interno di un’Email (ma anche in Landing Page o pagine web) le call to action si trovano inserite in veri e propri “bottoni” cliccabili, in genere dotati di una specifica veste grafica che deve sempre essere coerente con la linea comunicativa del supporto in cui sono inseriti.

Può sembrare difficile, ma in realtà per sapere come inserire un bottone in una Mail non avete bisogno di complesse conoscenze di grafica o di web design.

Oggi, molte piattaforme multicanali offrono infatti la possibilità di creare e inserire un pulsante call to action all’interno di Campagne di Email Marketing in modo semplice e veloce.

Con la Piattaforma Multimediale rdcom, ad esempio, è possibile farlo grazie all’Editor Drag & Drop che consente di creare bottoni di diverse forme e trascinarli facilmente all’interno del corpo della Mail, nel punto che si preferisce.

Una buona strategia per call to action che siano in grado di creare empatia con il target potrebbe essere quella di dargli un’impronta informativa nella prima parte della pagina, quando ancora l’utente non ha una conoscenza ampia del prodotto (“Scopri di più”, “Approfondisci qui”…) mentre puntare più su una vera e propria azione d’acquisto nella parte finale, dopo che sono stati presentati i vantaggi e le funzionalità di un determinato prodotto o servizio (“Acquista subito”, “Compra ora”…).

Una call to action è un ottimo strumento anche per fare lead generation, ovvero stimolare gli utenti a lasciare i propri dati all’interno di specifici form d’iscrizione e ottenere così importanti punti di contatto per future azioni di marketing.

È chiaro quindi come le call to action risultino importanti per una buona Campagna di Email Marketing.